Giornata mondiale degli oceani: i film da guardare per celebrarla

Immenso, freddissimo e misterioso: l’oceano è amato e temuto dall’uomo. Non solo perché geograficamente intrascurabile (l’acqua copre oltre il 70% della superficie del nostro pianeta), ma anche per i significati che si porta dietro, metafora di libertà e opportunità, di sogno e coraggio – basti pensare, per esempio, alle traversate che in passato così tanti italiani hanno affrontato per raggiungere l’America.

Sono quelle stesse acque a trovarsi in pericolo oggi, inquinate e soffocate da tonnellate di plastica, segno dell’irresponsabilità umana e della stupidità di chi pensa di poter inquinare senza dover affrontare le conseguenze. La Giornata Mondiale degli Oceani, che ricorre l’8 giugno, è stata pensata proprio per questo, per aiutare a sensibilizzare sul tema dell’inquinamento del nostro patrimonio acquatico e stimolare un comportamento responsabile in ciascuno di noi. Per l’occasione, vi proponiamo 5 film dedicati al mare e all’oceano, per riflettere sulle tante declinazioni del rapporto tra uomo e acqua, e sul ruolo centrale che questa ricopre in ciascuna delle nostre vite. Cinque storie cui appassionarsi, e un solo scopo: essere un po’ più consapevoli delle sfide e delle meraviglie che il “blu” del nostro pianeta offre.

FishPeople

Il film-documentario di Patagonia sulle storie di chi ha dedicato la propria vita al mare, anche lontano dalla riva. Storie diversissime, ma tutte accomunate dal coraggio e dal rispetto della natura. Così ci si può tuffare insieme a Lynn Cox, ritrovare la propria dimensione e pace a Tahiti con Matahi, 19enne pescatore che cavalca tra le onde più grandi al mondo, oppure trattenere il fiato con Kimi Werner, pescatrice in apnea delle Hawaii. Cinque sono le storie sbalorditive condensate in 49 minuti di appassionante narrazione.

The Morning Light

La Transpacific Yacht Race, competizione di 2.500 miglia da Los Angeles e Honolulu, tra le più importanti in oceano aperto, vede un gruppo di ragazzi tra 18 e 23 anni decisi a vincerla contro i maggiori professionisti del settore, a bordo del loro Morning Light. A raccontarli è Roy E. Disney, nipote del celebre Walt e anche lui appassionato marinaio.

mare patagoniaDeep Water

E’ il 1968 e Donald Crowhurst, per risollevare la sua situazione economica, decide di prendere parte alla prima edizione della Golden Globe Race, che va da un capo all’altro del pianeta, intraprendendo una regata in solitaria. La sorte non è dalla sua parte: un film che insegna come, a volte, la volontà non è tutto.

nuoto oceano patagoniaIl vecchio e il nano

Battere il record di velocità sull’Atlantico a bordo di un catamarano? Vittorio e Nico Malingri, padre e figlio, l’hanno fatto quest’anno, portando il limite a 11 giorni, 1 ora e 20 minuti. Una delle sfide più importanti del Citroën Unconventional Team.

surf patagonia filmLeviathan

La particolarità di questo docu-film sull’industria della pesca nel Nord America, prodotto dal Sensory Ethnography Lab dell’Università di Harvard, è il fatto di essere stato interamente girato con una GoPro. Vincitore di numerosi premi internazionali, racconta in presa diretta le durissime condizioni di vita a bordo dei pescherecci del nord Atlantico.

surfer patagonia film

Irene Dominioni

Cresciuta nella foresta di libri della sua casa milanese, Irene ha inseguito la passione per il giornalismo in Danimarca e in Olanda, grazie al master Erasmus Mundus Journalism, Media and Globalisation. Di nuovo a Milano, oggi collabora con pubblicazioni internazionali come Pandeia.eu e Orange Magazine, e si occupa di comunicazione, social media e organizzazione di eventi. Su Moda a Colazione scrive di cultura e viaggi.

No Comments Yet

Comments are closed

 


John Fitzgerald Kennedy
Ispirazioni: il futuro per Abraham Lincoln
Calvin Klein, Eternity Moment