Gabrielle Chanel, la slingback two-tone e gli stivali

Gabrielle Chanel creò la scarpa bicolore con il tacco così che una donna potesse dire: “Con quattro paia di calzature posso girare il mondo”. Così la slingback two-tone del 1957, “l’ultima frontiera dell’eleganza” secondo Mademoiselle, è diventata un accessorio senza tempo, perché la scelta dei due toni in contrasto rappresenta un vantaggio estetico notevole: il beige allunga la gamba, mentre la punta nera accorcia il piede. 

Non solo: la punta scura rende meno visibili i segni dovuti all’usura, il cinturino in caviglia regala mobilità, mentre il tacco medio di 5cm assicura il massimo comfort. E sta bene davvero con qualsiasi look. 

Quest’icona è stata più volte “rimaneggiata” da Karl Lagerfeld. Prima le ballerine, in diversi materiali e colori,  fino agli odierni “boots”, che Coco indossava spesso nella vita privata (le piacevano tanto i cavalli e ordinava gli stivali da Massaro), ma che non incluse mai nelle sue collezioni. Oggi sono two-tone, ultra-chic, in suede e satin. Eleganti e comfortevoli, si fermano a metà polpaccio. Per tutte le donne.

Margherita Tizzi

In questi ultimi anni all’arrembaggio l’amore di Margherita per il giornalismo embedded è cresciuto e maturato. Resta il suo sogno – accanto a quello (nel cassetto) di diventare una maestra di sci e di trasformare l’Italia in un paese consapevole dei tesori che conserva. E’ il babbo pittore, infatti, che le ha trasmesso l’amore incondizionato per l’arte e il design...

No Comments Yet

Comments are closed

 


John Fitzgerald Kennedy
Ispirazioni: il futuro per Abraham Lincoln
Calvin Klein, Eternity Moment